Cibo-Cucina moderna-Ristoranti Stellati

Leggevo oggi la guida dei primi 50 ristoranti del mondo, e con molto piacere continuo a vedere che nei primi 3 sia presente un ristorante italiano: Osteria Francescana. Il miglior ristorante al mondo è un ristorante danese, NOMA. E poi tantissimi altri ottimi ristoranti. Credo che la cucina moderna che tanti odiano sia in realtà una evoluzione della cucina classica e dai sapori unici ed indimenticabili. Spesso si critica qualcosa per un semplice motivo: la paura di cambiare. Se oggi siamo arrivati fin qui, è proprio perché grazie a persone uniche nel loro genere senza questa paura hanno creato cose che oggi riteniamo normali, ma che hanno dato un grande contributo. Il timore di assaporare una lasagna con uno sgombro o con piselli e radicchio credo che deve essere sconfitto, altrimenti ci ritroveremo nei prossimi 100 anni a mangiare e gustare sempre le stesse pietanze. Ciò che si deve comprendere è l’assaporare giorno dopo giorno, per prima cosa, cibi di stagione. Secondo me bisogna finirla di cercare sempre e comunque cibo (esteso a tutto) in tutte le stagioni dell’anno. Bisogna ritornare a rispettare i tempi della natura, proprio come succedeva 50 anni fa. I più famosi ristoranti con i loro Chef, quando parlano di materia prima intendono proprio questo. Ritorniamo tutti a cercare e mangiare alimenti di stagione, cotti nella maniera più semplice possibile e con condimenti naturali ma senza forzare. Tutto questo bisogna farlo perché se un alimento è di stagione ha già una marcia in più e se cotto con semplicità non nasconderà il sapore pieno dell’alimento e se condito in maniera semplice e leggera avrà decisamente un gusto unico. Oggi, purtroppo, si continuano a cercare i ristoranti che fanno le “solite” grigliate di carne o pesce, con annessi soliti primi piatti. Se non si esce però da questa spirale, solo per paura di trovarsi davanti a gusti unici e veramente diversi, tanti giovani cuochi o chef non avranno mai modo di esprimere le loro potenzialità. Bisogna aprire le proprie papille gustative al nuovo. Le trattorie vanno bene, servono, ma non può essere tutto una trattoria. Questa cosa però dovrebbe succedere proprio nei giovani, nei 30enni di oggi che cenano spesso fuori. Ed invece cadono spesso nell’errore di andare sempre sul sicuro. Bisogna mangiare materie prime uniche, di stagione, curate e preparate in maniera semplice e ricca di combinazioni. La questione della “tecnica” di preparazione è solo un luogo comune. Io credo che come ci sia una evoluzione nelle auto, negli smartphone ci sia una evoluzione nelle tecniche di cucina. Penso che sia normale. Ovvio che chi sperimenta di più, alla fine troverà la giusta strada che per altri sarà qualcosa di improponibile. Un ristorante, per chiamarsi tale, non deve essere una mensa. Non è un semplice lavoro. è qualcosa di più, di unico. è bello vedere amici che lavorano in ristoranti rimanere anche dopo l’orario di chiusura per provare piatti e cotture e combinazioni. Questo è ciò che ha reso i Top Ristoranti davvero TOP. Nella vita bisogna provarli, non dico tutti ma piano piano bisogna provarli. Senza avere paura, timori e preconcetti. Ovviamente si può partire anche dal proprio territorio, andando a scoprire i ristoranti che tanti considerano diversi forse solo perché non fanno il fritto di pesce.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...